Mercato edilizia 2015, le prospettive e la tenuta dei mercati esteri

Lo scorso ottobre è stato presentato al SAIE 2014 il rapporto sul Sistema delle Costruzioni in Italia, realizzato da Federcostruzioni che formula alcune previsioni per il mercato dell’edilizia nel 2015. E purtroppo le notizie continuano a non essere positive. Anzi, lo stesso presidente di Federcostruzioni, Rodolfo Girardi parla di un aggravamento della crisi produttiva delle costruzioni, “che ha raggiunto i terribili valori negativi testimoniati dal Rapporto 2014″.

Il rapporto sul Sistema delle Costruzioni in Italia 2014 è un documento ponderoso, che analizza nel dettaglio la filiera nel suo complesso e i singoli comparti con dovizia di dati, tabelle e confronti (vetro, calcestruzzo, acciaio, movimento terra, impianti, ecc.).

Torneremo nei prossimi giorni con dei focus mirati sui singoli settori produttivi, ma oggi vogliamo fornire ai lettori solo alcune informazionibase che danno un’idea complessiva della situazione.

Se la produzione del settore delle costruzioni aveva registrato un -5,5% nel 2013, la previsione per il 2014 è ancora preceduta dal segno “meno” con un -2,2%. E per il 2015? Ancora outlook negativo, come direbbero le Agenzie di rating. Federcostruzioni stima per l’anno venturo un ulteriore decremento del -1,5%.

Se andiamo a considerare poi gli ultimi 5 anni, con il 2014 la produzione complessiva della filiera delle costruzioni ha perduto oltre il 25% e per l’anno prossimo si prevede una perdita complessiva dal 2009 che raggiungerà la cifra record di -27,1%.

Si tratta di una caduta produttiva di ragguardevole entità“, si legge nel rapporto di Federcostruzioni. “Il recupero può essere definito solamente di lungo periodo” … come un reduce da una guerra devastante che impiegherà del tempo a liberarsi delle ferite fisiche e dei suoi fantasmi, prima di tornare alla vita nuovamente.

I grafici riportati qui sotto e tratti dal Rapporto 2014 spiegano meglio di mille parole quanto appena detto.

http://www.ediltecnico.it/29311/mercato-edilizia-2015-prospettive-tenuta-dei-mercati-esteri/

Nessun commento ancora

Lascia un commento